Google AdSense, quanto si guadagna? ne vale la pena? La guida

Quando Google AdSense è stato introdotto, l’industria della pubblicità online era nel panico più totale. La ragione era semplice. Google AdSense era uno dei modi più efficaci per un inserzionista di far arrivare il proprio messaggio a un pubblico mirato. Oggi, Google AdSense è la piattaforma pubblicitaria più utilizzata tra i blogger e le piccole imprese.

È anche una delle più redditizie. Che tu sia una piccola impresa che vuole far conoscere il tuo nome o un noto blogger che vuole fare più soldi con meno lavoro, AdSense è un ottimo modo per fare soldi dal tuo sito web. Se stai pensando di entrare nel mondo di AdSense ma non sei sicuro che ne valga la pena, questo articolo è per te. Spiega tutto quello che devi sapere su questa popolare piattaforma pubblicitaria.

Cos’è Google AdSense?

Google AdSense è una piattaforma pubblicitaria che permette ai siti web di mostrare pubblicità. Questa pubblicità è generata attraverso tre algoritmi principali – show, click e impressioni – che determinano quanti soldi ogni sito web riceverà per la visualizzazione del tuo annuncio.

Ovviamente lo dice il nome, la piattaforma è del colosso che tutti conosciamo ed è attualmente il leader mondiale per la monetizzazione dei siti web a livello base.

 Se ti stessi chiedendo quanti soldi potresti fare con Google AdSense e se ne vale la pena, allora questo articolo è per te.

Google AdSense è uno dei modi migliori per il proprietario di un sito web per guadagnare soldi dal proprio sito, super facile da impostare, e le entrate generate sono abbastanza decenti.

Tuttavia, con così tanti siti web che monetizzano con AdSense su internet, può essere difficile capire quanti soldi stai effettivamente facendo. Questo articolo risponderà a molte delle tue domande e ti guiderà attraverso il processo di impostazione di AdSense sul tuo sito web.

Quanto costa AdSense?

Il programma di pubblicità di Google AdSense è totalmente gratuito, anzi sarà proprio la piattaforma di google a pagarti tramite i guadagni che portano i banner della loro concessionaria, arrivando cosi ad aiutarti a generare delle entrate.

 Quanto ti paga google AdSense?

 Google AdSense fa circa 0.10 di euro per clic. Questo significa che se esegui una campagna AdSense sul tuo sito web e clicchi su uno degli annunci, guadagnerai circa 10 centesimi di euro.

Il guadagno però che deriverà da google adsense dipende in gran parte del tema che tratterà il nostro sito web, oltre ovviamente al numero di visualizzazioni giornaliere e di clic che arriveranno sui banner.

(Di base non abbiate paura, la gente ci clicca sui banner e una volta installati inizierete sicuramente a guadagnare qualcosa, ovviamente più visite avrete più guadagnerete, sempre in proporzione alla tematica che trattate)

In genere possiamo affermare che per avere un guadagno serio, dovremmo riuscire ad avere almeno 2000 utenti unici al giorno, questa infatti è una buona media utenti che ci permetterà di portare a casa a fine mese una discreta cifra da google Adsense.

Mediamente, si stima che l’80% dei publisher guadagni dai 10 ai 50 euro al mese, una cifra che in molti casi diventa difficile da considerare come “guadagno” ma più come un rimborso spese per l’impegno costante che richiede avere un sito web.

Come ti paga Google AdSense?

Il payout di google AdSense (Soglia di pagamento) è fissato ad un minimo di 70 euro mensile, ergo per ricevere il pagamento dovrai aver maturato nel mese almeno 70 euro e il mese dopo riceverai tramite un comodo bonifico i soldi guadagnato con il tuo blog.

Se non hai raggiunto i 70 euro non temere, i soldi ti verranno accantonati fino a quando non avrai maturato i 70 euro e potranno procedere a mandarti il pagamento.

Per il bonifico è abbastanza inserire il proprio iban bancario per ricevere indicativamente dal 20 al 25 di ogni mese i soldi maturati. (Potete utilizzare anche una postepay dotata di iban per ricevere i vostri soldi)

 Come impostare Google AdSense sul tuo sito web

 Il primo passo per impostare Google AdSense è quello di creare un sito web. Una volta creato il tuo sito web, puoi iniziare a creare una campagna pubblicitaria. Ci sono alcuni modi diversi per impostare la tua campagna pubblicitaria, ma il modo più popolare è attraverso Google AdSense. Per impostare AdSense sul tuo sito web, dovrai creare un account e poi impostare alcune impostazioni.

Dovrai scegliere quanti soldi vuoi fare da ogni clic sui tuoi annunci. Puoi anche decidere quanto spesso vuoi che i tuoi annunci vengano eseguiti e quali paesi vuoi prendere di mira. Puoi anche scegliere se vuoi includere annunci di testo (che sono più piccoli delle immagini) o di immagini (che sono più grandi del testo).

Google Adsense e WordPress

Se anche tu non fossi in grado di impostare il codice di AdSense nel tuo sito wordpress, Google ha rilasciato il plugin ufficiale Sitekit per WordPress che ti consente cliccando due autorizzazioni, di aggiungere il sito web al tuo pannello di AdSense e quindi iniziare a monetizzare una volta accettato il tuo sito web.

Questa possibilità di inserire i banner in automatico ti consente infatti di bypassare tutti i problemi e quindi avere la massima libertà di guadagnare in automatico.

WordPress si sposa benissimo infatti se vogliamo imparare a monetizzare con AdSense, il blog in sé può essere una forte spinta alla monetizzazione in generale tramite i banner e AdSense può essere il punto di inizio perfetto.

Ovviamente Adsense è disponibile in qualsiasi piattaforma voi vogliate monetizzare, dalle app ai forum, essendo un codice inseribile praticamente ovunque.

 Dovresti usare AdSense sul tuo sito web?

Ci sono molti pro e contro nell’usare AdSense sul tuo sito web. Da un lato, AdSense può essere un modo davvero redditizio per fare soldi. Puoi vedere un ritorno significativo sul tuo investimento entro 24-48 mesi. Inoltre, poiché AdSense è una piattaforma pubblicitaria, puoi usarla per raggiungere un vasto pubblico con pochissimo sforzo.

D’altra parte, ci sono alcuni potenziali svantaggi nell’usare AdSense sul tuo sito web. Per esempio, se non sei esperto di marketing digitale o non hai le competenze necessarie, allora potrebbe essere difficile impostare e gestire efficacemente la tua campagna AdSense.

Come detto sopra, parliamo di cifre a volte piccole ma utili per iniziare a monetizzare e recuperare le spese che abbiamo avuto per l’apertura e il mantenimento del nostro blog.

Cosa non devi fare con google AdSense?

Ci sono alcune cose che non devi assolutamente fare una volta inseriti i codici di AdSense sul tuo sito, queste azioni potrebbero portarti al ban immediato.

  1. Non cliccare sui tuoi annunci (Espressamente vietato dal regolamento, cliccare sui propri banner porta al ban immediato dalla piattaforma)
  2. Non far cliccare amici e parenti (Evita anche questo, Google traccia tutti i click e a fronte di un guadagno veramente irrisorio rischi di compromettere il tuo account)
  3. Fai attenzione ai contenuti vietati (Google non ama determinati argomenti, evita quindi di inserirli nel tuo sito una volta accettato dal programma)
  4. Inserisci tutti i dati richiesti (Compila correttamente tutte le informazioni che ti vengono richieste prima di avere l’account sospeso)
  5. Evita di ingannare con trucchetti AdSense (Esistono molti programmi di autoclick e altre porcherie che ti possono aiutare ad aumentare la quantità di click giornaliera che viene registrata sui tuoi banner, queste azioni oltre ad essere una vera e propria truffa, normalmente vengono tracciate molto velocemente per via della ripetitività delle azioni e per l’uso di programmi non consentiti)
  6. Non installare nel sito attività malevoli per truffare l’utente (Banner con autoclick, banner nascosti su banner di download e altro possono portare al ban immediato senza soluzione di ritorno)

Queste sono essenzialmente i motivi di ban da adsense più ricorrenti, ricorda sempre che una volta bannato da Google AdSense, recuperare infatti un account che viene bannato è quasi impossibile da recuperare, l’assistenza è molto rigida e se il motivo di ban è uno di quelli citati sopra (tranne il punto 4) difficilmente si riuscirà a riavere l’account.

Ovviamente una volta bannato l’account non potrà essere ricreato con gli stessi dati sia di intestazione che di residenza, dati fiscali e per il pagamento.

Quindi evitate di farvi bannare appositamente da google AdSense, rientrare in gioco potrebbe essere molto difficile.

 Google AdSense vale la pena?

Chi segue i miei consigli su questo blog sa benissimo che amo parlare senza fronzoli e senza girare molto attorno alla questione.

Adsense non è altro che una remunerazione base per gli utenti che si avvicinano al web, per parlare di un guadagno serio, dobbiamo partire da un minimo di 2000 visite al giorno, sotto probabilmente avremo semplicemente un recupero spese un pò più performante.

Vale la pena se calcoliamo che con un blog con pochi utenti, probabilmente non verrà calcolato da nessuna concessionaria di pubblicità ci prenderà mai in considerazione, bisogna quindi valutare il programma di google adsense come una rampa di lancio in un mondo più aperto e utilizzare i soldi ricavati per rilanciare e investire nelle proprie attività, banalmente è impossibile trarre un serio guadagno se non con numeri e visite veramente “importanti”.

D’altro canto, iscrivendoti ad AdSense Italia non avrai molti problemi nella gestione dei banner, funziona tutto in modo automatico e potrai anche scegliere di far gestire gli annunci direttamente a loro, massimizzando ulteriormente i guadagni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.