Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :
img

Instagram, comprare follower si o no?

/
666 Views

Per chi utilizza Instagram in maniera professionale la questione follower non è sicuramente una cosa marginale, i numeri contano forse più della qualità anche se cerchiamo sempre di negarlo e di cercare di selezionare Influencer che non abbiano visto nel giro di pochi giorni piombarsi sul profilo 100.000 seguaci.

Diventato il nuovo Facebook, Instagram sta ora iniziando a raccogliere molti transfughi del social creato da Mark Zuckerberg, complice un più snello utilizzo e una rapida interazione direttamente nei messaggi che consente a tutti di potersi mettere in contatto anche con gente semi-famosa.

Un grande mercato degli affari tuoi potremmo definirlo, fatto solo da foto Instagram si rende alla portata di tutti, soprattuto giovani e meno che hanno voglia di condividere le foto di quello che mangiano o i pochi attimi di vita vissuta al di fuori del lavoro.
Un regno per gente che vuole mostrarsi e forse esagerando un pò, che vuole ” vantarsi ” di quello che ha, basti pensare a gente come Gianluca Vacchi non fa passare un minuto senza mostrare uno Yacht di 300 metri o una villa da 3-4 milioni di euro.

La gola di farsi regalare oggetti a sbaffo con l’unica causale della recensione sta portando diverse ragazze a mostrare anche i polmoni per cercare di aumentare il proprio seguito, cercando cosi di arrivare a far pesare il proprio profilo in fase di contrattattazione con un eventuale sponsor.

L’aumento degli influencer su Instagram

Anche le aziende preferiscono ormai far sponsorizzare i propri prodotti direttamente agli utenti con un minimo di seguito, basti pensare che con un prodotto da pochi euro recensito da un profilo con circa 10.000 possono abbattere i costi pubblicitari. ( Basti pensare che per un piccolo riquadro su un giornale di provincia le cifre si aggirano sui 250 euro, calcolando poi che il giornale rimane solo un giorno in edicola, il calcolo della convenienza è subito fatto )

Il cerchio è molto stretto e passare dalle visualizzazioni taroccate su youtube a comprare i follower di Instagram il passo è veramente breve, ma cerchiamo di capirne di più sul comprare i follower di Instagram, tra falsi miti e notizie errate cerchiamo di fare chiarezza.

Facciamo due distinzioni, comprare follower non è la stessa cosa di usare un bot.

 

Cosa sono i Bot?

I bot sono sistemi creati per automatizzare le azioni come ” Mettere un Like o Seguire una persona ) secondo i nostri parametri che vogliamo che lui segua, si possono impostare numerose impostazioni, come il numero di gente da seguire ogni giorno, il sesso, il paese, l’età e molto altro ancora.
Non vanno intesi come un acquisto di follower ma come se fosse una segretaria che lavora per noi alcune ore al giorno sul nostro instagram, andando a commentare di qua e di la ogni tanto, creando quella interazione che se fatta da noi ci porterebbe via parecchie ore.

La differenza tra usare un bot e quella di acquistare follower sostanzialmente possiamo riassumerla in una frase, il bot segue Follower che seguono i tuoi stessi interessi, l’acquisto invece rischia di farti invadere i seguaci da profili finti e facilmente sgamabili dai nostri concorrenti, oltretutto ovviamente fuori target di interesse dal tuo.

Come tutti i sistemi automatici, hanno i loro pro e i loro contro, anche se analizzando meglio, a livello di target ne esce sicuramente meglio il bot, che con tutti i suoi difetti risulta il più completo per avere un minimo di utenti in linea al nostro obbiettivo.

Vediamo i Pro e i Contro dell’acquistare Follower a pacchetto

Pro

Grossi numeri subito disponibili ( Esistono pacchetti anche da 500k in 24 ore )
Spesa contenuta ( I pacchetti con 1k di Follower partono dai 9 euro )
Poca gestione del flusso di utenti ( Una volta acquistati li vedrete arrivare sul vostro profilo )
Niente settaggi da fare o da gestire

Contro

Rischio di vedersi solo follower di paesi del terzo mondo ( Fuori Target )
Aumento poco credibile in ottica di autorità ( Da 0 a 100 in ottica social non rende molto bene )
Pochissimi utenti in target e quindi interessati al tuo prodotto 

Vediamo subito che chi vuole la pappa pronta, sicuramente la soluzione di comprare follower a pacchetto risulta quella più semplice, niente settaggi particolari da fare e in poco tempo potremmo vedere il nostro profilo scoppiare di Follower.

Vediamo ora i Pro e i Contro del utilizzo dei Bot

Pro

Scelta degli utenti e dei loro interessi in target al nostro obbiettivo
Manovrabilità su più punti, sia interazione che commenti sui profili
Un uso giornaliero del nostro profilo da parte del bot lo renderà sicuramente più vivo

Contro

La robotizzazione del profilo potrebbe far scadere alcune interazioni naturali che avete già in atto sul vostro profilo
Una lenta crescita del vostro profilo ( Grossi numeri portano a grossi rischi )

Chi scegli il bot prevalente è come se si affidasse ad una segretaria virtuale, che con piccole azioni mantiene vivo il nostro profilo Instagram, rischioso se spinto all’eccesso delle sue impostazioni ma molto utile se tenuto come una terza mano durante il lavoro.

Se vogliamo però continuare sulla strada dei bot possiamo usare Instazood, un bot molto semplice che abbiamo utilizzato anche noi in passato e che stiamo utilizzando anche in questo momento su alcuni profili che non abbiamo il tempo materiale di gestire ma che abbiamo il bisogno che siano aggiornati quotidianamente.

Instazood ha pacchetti che partono dai 9,99 dollari al mese, ( Rinnovo ogni 30 giorni ) che nel suo pacchetto base consente di seguire, commentare e lasciare like ai profili che riterrà in tema con le linee guida che gli verranno fornite.

Potete fare una prova gratuita di 3 Giorni cliccando sopra questo link
Ricco di guide e informazioni, una volta iscritti dovrete inserire i personaggi con più follower dei vostri, e cercare di fare in modo che possa pescare il meglio dei profili.

Fate però attenzione a non bruciare le tappe, il rischio della penalizzazione di Instagram  è sempre in agguato, e piangere una volta colpiti dal famigerato shadow ban non servirà a nulla.

Cerchiamo quindi di orientarci meglio in questa marea di programmi, e prima di lanciarci con in qualsiasi tentativo di scalata di Instagram dobbiamo prima valutare attentamente tutto il nostro piano di sviluppo, preparando anche qualche settimana prima idee e contenuti che andranno poi pubblicati sul social per tenerlo attivo e attraente.

 

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest

1 Comments

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *