Home / Food / Cosa mangiare quando soffriamo di gastrite

Cosa mangiare quando soffriamo di gastrite

/
2821 Views
img

La gastrite è un’infiammazione della parete interna dello stomaco.
Alla presenza dei primi sintomi della gastrite, come bruciore dolore e pesantezza di stomaco,  bisogna intervenire con una dieta specifica e con degli accorgimenti particolari come evitare le abbuffate e preferire pasti piccoli e frequenti, mangiare lentamente per non sovraccaricare il lavoro dello stomaco, mangiare in un’atmosfera di relax. ( A volte anche lo stress può aumentare i segnali della gastrite )

La gastrite è uno dei problemi che affliggono numerosi italiani di qualsiasi età e di qualsiasi zona, non è infatti un problema relegato ad una zona in particolare.

I sintomi più comuni della gastrite sono: 

  • Eruttazioni frequenti e gorgoglii allo stomaco (dovuti alla iper produzione di succhi gastrici che irritano le mucose)
  • Mal di stomaco: non è forte, ma continuo e diffuso, e si attenua solo mangiando.
  • Bruciore di stomaco: il dolore allo stomaco peggiora anche solo bevendo un bicchiere d’acqua, da evitare sempre bevande gassate e acide.
  • Digestione difficile: il senso di pienezza è simile a quello provato dopo un pasto abbondante, anche se hai mangiato solo un’insalata.
  • Sensazione di Vomito: si può scatenare tanto a digiuno quanto a stomaco pieno.
  • Pancia gonfia: la digestione è difficile e si accumula troppa aria nell’intestino.
  • Senso di vuoto allo stomaco: non hai fame, e avverti una sensazione simile a quella che si prova in macchina all’inizio di una brusca discesa.
  • Sapore acido in bocca: di solito succede mezz’ora o un’ora dopo i pasti e veramente disgustosa sopratutto se si insinua tra i denti.
  • Fitte nello stomaco a digiuno: molto dolorose, passano appena metti qualcosa nello stomaco che da sollievo e riempimento allo stomaco.

Una delle soluzioni migliori e primarie per curare la gastrite è quella di variare la dieta e i cibi che vengono assimilati durante i pasti.
Fondamentale è ridurre tutti i cibi acidi e che possono intaccare il nostro stomaco aumentando il reflusso gastrico.

Cosa mangiare e cosa evitare quando si ha la gastrite

Quali bevande possiamo assumere durante la gastrite?

Le bevande svolgono un ruolo fondamentale durante le nostre giornate, soprattuto se veniamo colti da un attacco di Gastrite in estate, bisogna evitare di ingerire costantemente bibite gassate o acide come l’aranciata o le bevande con succo di limone.

Per tamponare: Il Latte scremato va ad alleviare l’acidità del nostro stomaco, dando una sensazione di sollievo nell’immediato, alla lunga però potrebbe portare a darvi problemi di stomaco ( Intolleranza al Lattosio )

Consigliati: Caffè d’orzo; acqua naturale non gasata; camomilla, tisane preparate con erbe. 

Da evitare: Vino ( Rosso e Bianco ) e liquori, birra ( Analcolica e non ), aperitivi ( Sopratutto quelli composti da vino di bassa qualità ), bevande gasate, caffè, cappuccino, tè; liquidi troppo caldi o troppo freddi. Bibite gassate ( Anche quelle senza zucchero e senza caffeina/teina, Acqua Gasata.

I primi piatti da consumare quando si soffre di gastrite

La situazione dei primi è sicuramente quella più critica, molti dei cibi tradizionali che siamo abituati a mangiare potrebbe solo peggiorare la situazione del nostro stomaco e aumentare sia gastrite che acidità, bisogna quindi cercare di stare leggeri ed evitare un grosso ingorgo nel nostro stomaco.
Evitare cibi pesanti non solo per la gastrite ma anche per alleggerire la pressione sul nostro stomaco.

Consigliati: riso o pasta esclusivamente “in bianco” senza soffritto con cipolla o altri aromi.
Passato di verdura o minestre di verdure evitando di ingerire troppi legumi per non andare ad appesantire la digestione, minestre di patate o comunque sia di verdure molto basiche, senza cipolla, con un pò di olio crudo ( Con Moderazione )

Da evitare: brodi di carne, pasta o riso conditi con ragù di carne o con soffritto di burro e olio, pasta al forno, pasticcio, minestroni elaborati (preparati con carne di maiale).

Secondi piatti da mangiare e da evitare con la gastrite

Assolutamente da vietare: animelle, cervella, trippa, carne di maiale, anatra, oca, selvaggina e cacciagione, sia per via degli alimenti sia per via della ovvia preparazione che potrebbe risultare veramente pesante.

Vietati: i salumi e gli insaccati, carni salate e affumicate. carne liofilizzata, pesci grassi come salmone, carpa; pesci conservanti sott’olio, affumicati, sotto sale come acciughe, sardine ecc.; i crostacei e i molluschi.
I formaggi stagionati, molto fermentati, piccanti, salati e eccessivamente saporiti.
Uova preparate in qualsiasi modo, sia fritte che sode.

Consigliati: pochissima carne, preferibilmente bianca come pollo e vitello, da preferire la cottura a vapore o leggermente scottata su una padella liscia, evitiamo le striature di bruciato.
Diminuiamo sensibilmente la carne di manzo e le grigliate per via della cottura alla brace che crea grossi casini nello stomaco.
Il pesce magro come ad esempio orata, nasello, sogliola , da preferire la cottura a vapore con olio crudo.
Formaggi freschi e con pochi grassi, consigliata la ricotta.
Uova poche e ben cotte.

Le verdure da mangiare e da evitare con la gastrite

Generalmente dobbiamo evitare di mangiare le verdure che potrebbero far lavorare troppo il nostro stomaco per la digestione, più il nostro stomaco lavora più c’è il rischio di ritorno dei succhi gastrici, e con una situazione delicata in corso è sempre meglio evitare di andare ad appesantirlo.

Da evitare: carciofi, cavoli, verze e coste, melanzane, pomodoro, piselli, peperoni, crauti, ravanelli. Evitare le verdure cotte in maniera elaborata e con molti grassi. La verdura in scatola per via dei conservati e degli insaporitori che vengono messi per aumentare l’appetibilità del piatto.

Consigliati: patate al vapore, purè ( Senza Uova ), carote, zucchine, finocchi, fagiolini freschi, insalata dolce. Tutte le verdure sono da preferire lessate, ben cotte e con poco olio crudo. ( Evitiamo salse e condimenti per l’insalata, evitiamo anche spezie e aromi che possono irritare maggiormente il nostro stomaco )

Mangiare frutta con la gastrite? Ecco i frutti permessi

Da evitare: Gli agrumi per la loro eccessiva acidità. Evitiamo anche la frutta a seme come l’anguria che potrebbero irritare ancora di più il nostro stomaco.

Consigliati: la frutta molto matura, cotta, sciroppata e ricca di acqua. 

In generale da se soffriamo di gastrite o di acidità di stomaco è sempre meglio evitare questi alimenti o comunque farne un uso moderato per evitare di andare a stressare il nostro stomaco.

Salse piccanti, maionese, ketchup, senape, mostarda.
Spezie come zafferano, paprica ( Sia dolce che piccante ), noce moscata, peperoncino, pepe, aceto di mele, balsamico e anche la glassa. Evitiamo di usare condimenti speziati o etnici per non andare ad appesantire il nostro stomaco.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :