Home / Parliamone / Carpe Koi: Dove sistemare questi bei pesci ornamentali

Carpe Koi: Dove sistemare questi bei pesci ornamentali

/
971 Views
img

Le carpe koi sono degli animali davvero meravigliosi, dei pesci che gli appassionati di acquariologia considerano particolarmente ricchi di fascino sia per la loro estetica che per le loro dimensioni.

Carpe koi: cosa le distingue dai pesci rossi

In natura una carpa koi può raggiungere tranquillamente una lunghezza superiore a un metro, e anche per quel che riguarda gli allevamenti in acquario o laghetto questi pesci tendono a crescere in modo considerevole.

La carpa koi è considerata il più vicino “parente” del pesce rosso, animale domestico assolutamente comune: la somiglianza tra queste due specie è davvero notevole.

Oltre che per le dimensioni, questi due tipi di pesci di differenziano l’uno con l’altro per il fatto di presentare due piccole escrescenze in corrispondenza della bocca, nonché per il fatto di far sfoggio di colorazioni davvero accattivanti: parallelamente agli esemplari che presentano un’unica cromia, ad esempio bianca o grigia, ve ne sono degli altri che vantano dei mix di colori davvero molto intriganti.

La carpa koi è un animale dalla grande storia: diffusissimo nei paesi orientali, esso è considerato un simbolo di forza e di energia, proprio per questo si tratta di un disegno piuttosto frequente nel mondo dei tatuaggi.

Un pesce piuttosto semplice da allevare

In natura la carpa koi vive in fiumi e laghi: gli esemplari selvatici presentano, nella grande maggioranza dei casi, delle cromie semplici e non particolarmente intriganti, mentre le carpe koi d’allevamento, quelle che vengono commercializzate come pesci ornamentali, presentano delle caratteristiche estetiche in grado di affascinare anche chi non ha una particolare passione nei confronti del mondo degli acquari.

La carpa koi è un pesce d’acqua dolce, e sebbene si tratti di un pesce molto affascinante (e anche piuttosto costoso) può essere allevato senza grosse difficoltà.

Proprio come i pesci rossi, infatti, le carpe koi sono degli animali molto resistenti, ciò non significa ovviamente che ci si possa permettere di acquistarli e di non garantir loro le dovute cure: adottare un animale domestico, che si tratti di un pesce d’acquario, di un cane, di un gatto o altro, è un impegno che va sempre rispettato con attenzione e passione.

Il fatto che la carpa koi sia un pesce d’acqua dolce rende molto più semplici le modalità di allevamento: i pesci marini, come potrebbe confermare qualsiasi acquariofilo, sono decisamente più complessi da allevare.

Se si vogliono acquistare delle carpe koi, dunque, dove si possono sistemare?

Solo contenitori dal notevole litraggio

Anzitutto è utile sottolineare che vanno assolutamente bandite le classiche bocce in vetro, sia per quanto riguarda le carpe che per quel che riguarda i pesci rossi: in passato questi contenitori si sono diffusi in modo importante, ma sono assolutamente inadatti per questo tipo di utilizzo, sia perché la loro grandezza è del tutto inadeguata, e sia perché la loro conformazione non consente agli animali di ossigenarsi a dovere.

Inserire un pesce in una boccia di vetro significa a tutti gli effetti torturarlo!

Le carpe necessitano di contenitori dal litraggio importante, di conseguenza se si vogliono adottare questi bellissimi pesci è necessario disporre di spazi abbastanza grandi.

Se ci chiediamo, sul piano pratico, dove si possono collocare delle carpe koi, le alternative sono fondamentalmente due: all’interno di un laghetto in giardino oppure in un acquario.

Le due alternative: laghetto ed acquario

Costruire un laghetto all’aperto è davvero una splendida soluzione, d’altronde questi pesci, come detto in precedenza, in natura vivono in ambienti di questo tipo e non temono affatto le temperature invernali, ovviamente a condizione che non siano oltremodo rigide.

Realizzare un laghetto può essere divertente ed è un’idea molto interessante per decorare in modo suggestivo i propri spazi outdoor: da questo punto di vista si possono individuare dei suggerimenti preziosi su BricoPortale, noto sito web dedicato al fai da te casa.

Se non si ha modo di realizzare un laghetto, magari perché non si dispone di un giardino, è sempre valida la classica alternativa dell’acquario, a condizione che si tratti di un vasca dalle dimensioni importanti, indicativamente di almeno 200 o 300 litri, e dotata di adeguati filtri depuratori.

Per un acquario di carpe koi non è necessario installare un termostato, dal momento che questi pesci, essendo abituati alle acque fredde, non hanno assolutamente bisogno del riscaldamento indispensabile per i pesci tropicali.

 

Acquista su Amazon

Ultimo aggiornamento il 14 Settembre 2019 16:03

1 Comments

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    This div height required for enabling the sticky sidebar
    Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :