Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :
img

Youtube cerca di difendere i creatori di contenuti

/
875 Views

Youtube cerca di difendere i creatori di contenuti

Dopo le recenti polemiche degli inserzionisti, e il conseguente calo degli investitori, youtube cerca di limitare i danni alzando la soglia delle visualizzazioni  per l’inserimento delle pubblicità.

youtube_logo

 

Youtube modifica le regole per guadagnare con la pubblicità su propria piattaforma:
La piattaforma di condivisione di video di Google limiterà l’inserimento di annunci pubblicitari,
e quindi le possibilità di guadagnare, solo ai canali che hanno dalle 10mila visualizzazioni in su.
Lo annuncia la compagnia sul blog dedicato al suo Programma partner,
spiegando che l’obiettivo è quello di limitare i casi di abuso.
La mossa punta a salvaguardare quei canali che sono vittima di furto di contenuti originali, proteggendone le entrate.

Il nuovo tetto alle visualizzazioni, permette a Youtube di poter verificare che i canali ai quali andranno a elargire la ricompensa delle pubblicità, rispettino veramente le linee guida del canale più famoso per il caricamento del video.

Capita molte volte, di trovare video di Youtubers, Video Musicale o film e cortometraggi,
ricaricati per guadagnare qualche click in più, con questo segno, youtube vuole dare un netto taglio al passato, fatto di video ricaricati poche ore dopo l’uscita dell’originale.

Addio ai video da 30 secondi?

A quanto pare la concorrenza di Facebook sul tema video,
starebbe facendo pensare ai grandi capi di eliminare i video da 30 secondi,
cercando di mantenere sempre di più il format pubblicitario 6 sec ,
senza la possibilità di skipparlo.
Al momento l’unico modo per vedere i video di youtube senza pubblicità è la sottoscrizione a Youtube Red, che al momento non è ancora disponibile in Italia.
Sicuramente una situazione non semplice per Google che deve fronteggiare sia gli inserzionisti, sia i creatori di contenuti.

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest

2 Comments

    Leave a Comment

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    This div height required for enabling the sticky sidebar