Home / Food / Noci: proprietà, valori nutrizionali e usi

Noci: proprietà, valori nutrizionali e usi

/
23 Views
img

Le noci, oltre a essere un alimento gustoso che stimola l’estro in cucina, sono un rimedio universale per il benessere psicofisico. Ragion per cui non dovrebbero mai mancare all’interno di una dieta sana ed equilibrata. Infatti, gli esperti consigliano di consumare almeno 3-4 noci al giorno, magari al mattino per equilibrare la vostra dieta al meglio.

Ma vediamo perché le noci fanno bene al nostro corpo.

Valori nutrizionali delle Noci

Questi sono i dati riferiti a 100gr di parte edibile delle noci secche, quindi solo il frutto pulito senza il guscio. Se volete fare un calcolo rapido, su 100 gr di noci solo 39 grammi saranno di prodotto pulito ( 39% di part edibile)

  • 14 g di proteine,
  • 3,10 g Zuccheri Solubili
  • 68,10 g di lipidi,
  • Di cui Saturi totali 5,60 / Mono insaturi totali 9,50 / Polinsaturi Totali 40,60 g
  • 0 g colesterolo
  • 5 g di grassi,
  • 3,50 g d’acqua,
  • 6 d di fibra.

I benefici delle noci

Le noci, pur essendo definite generalmente “frutta secca”, non sono da considerare dei veri e propri frutti, bensì dei semi, esattamente come noccioline, mandorle, e pistacchi. Originarie del Medio Oriente, si sono diffuse in tutto il resto del mondo, Italia inclusa, soprattutto per le loro proprietà benefiche: contengono valori energetici a dir poco sorprendenti.

Le proprietà delle noci sono riconosciute in tutto il mondo e da tutti i dottori, ottime alleate nella prevenzione di problemi cardiovascolari, colesterolo alto e utili a chi ha bisogno di regolarizzare la pressione sanguigna. Si consiglia poi il consumo di noci a tutte quelle persone che soffrono di diabete, in modo da tenere sotto controllo le possibili conseguenze, talvolta gravi, della malattia. Ulteriori studi sostengono che le noci svolgono un’azione benefica sul controllo del peso.

Aspetto che a qualcuno potrebbe far storcere il naso, considerando che questo seme è ricco di carboidrati, proteine e grassi. Si tratta però di grassi “buoni” perché soltanto il 10% di questi sono grassi saturi, cioè “cattivi”. Ad avere un ruolo fondamentale nelle proprietà delle noci troviamo infatti gli omega 3 presenti anche nel pesce, altro alimento, insieme alle noci, che spesso scarseggia sulle nostre tavole.

Teniamo presente che il nostro organismo non è capace di produrre omega 3 e, quindi, non vi è altro modo se non assorbirlo dal cibo e sicuramente le noci sono un’ottimo alimento per assimilarli in modo naturale.

Le noci sono un’ottima fonte di proteine, vitamina Avitamina E, B1, B2, acido folico e fibre e contengono un elevato quantitativo di antiossidanti in grado di tenere sotto controllo i radicali liberi e ritardare molte malattie degenerative del corpo umano come l’alzheimer, le noci sono particolarmente consigliate anche per aiutare il rinforzamento dei capelli e della pelle.

Oltre a quanto scritto finora, è bene porre l’accento su un altro aspetto che forse pochi conoscono. Mi riferisco ai benefici delle noci sulla nostra salute mentale. Pare che questo gustoso seme tenga a bada il malumore. A scoprirlo è l’Università della California. I dati parlano chiaro, chi consuma le noci regolarmente manifesta uno stato d’animo più sereno rispetto a chi non ne mangia, indipendentemente dall’età e dal sesso.   

Ecco le varietà di noci presenti sul mercato

Come per tutti i frutti, anche per le noci ne esistono moltissime varietà sul mercato, anche se i valori nutrizionali e le proprietà delle noci sono molto simili, il gusto rende molto differente questa esperienza e quindi unica al momento del loro assaggio.

  • Le noci Pecan sono forse le più famose anche in cucina grazie ai programmi culinari che hanno invaso la nostra tv, le noci di pecan sono originarie dell’America settentrionale ricche di antiossidanti e acidi grassi e monoinsaturi.
  • Le noci del Brasile contengono una elevata quantità di selenio, hanno un prezzo leggermente più elevato rispetto alle classiche noci.
  • Le noci di Mongongo, originarie della Namibia e dell’Africa Sud occidentale, dolci e molti nutrienti.
  • Le noci Kemiri provengono dall’Indonesia e vengono comunemente chiamate noci candela, sono ricche di oli che possono trasformare queste noci in vere e proprie candele di breve durata.
  • Le noci rosse, incrocio della noce comune e della noce persiana, vengono chiamate cosi a causa del suo gheriglio rosso.

Come inserire le noci nella nostra dieta

La quantità consigliata per il consumo della noci, come indicato nell’introduzione dell’articolo, è di 3-4 noci al giorno. Il miglior modo per assumerle è quello di estrarre il seme dal guscio e mangiarlo.

Diversamente, c’è chi unisce le noci allo yogurt o ad altri cereali durante la prima colazione o lo usa come condimento di insalate, primi piatti, macedonie e dolci. Le noci non hanno un alto contenuto di fibre, ma se unite a cereali, legumi, frutta e verdura, possono dare un contributo speciale anche in questo senso.

Aggiungere la frutta secca alla nostra dieta, possibilmente mediterranea, vuol dire svolgere una quotidiana prevenzione per la salute. In tempi recenti, dove il cibo è vissuto come un trend, basta accendere la tv o collegarsi a internet per conoscere i dati allarmanti che riguardano chi si ammala per via di una cattiva alimentazione. (L’aumento della pressione sanguigna è una delle malattie che sta colpendo una larghissima fetta di popolazione nella fetta ricca del mondo)

Dati che rilevano un aumento, soprattutto tra i più poveri e tra quelle persone con un livello di istruzione basso o in preda a ritmi frenetici. Stili di vita sbagliati e mode prive di fondamento possono fare danni irreparabili alla nostra salute, ma anche all’intero pianeta terra. Sotto accusa vanno messi sicuramente l’alto consumo di proteine animali e di zuccheri. A procurare ulteriori danni contribuiscono poi l’abuso di alcol, caffè e sigarette e una quotidianità sempre più sedentaria.

Controindicazioni nel consumo delle noci

Le noci hanno un elevato apporto calorico ed energetico, sarebbe sempre meglio evitare di consumarle a fine pasto e comunque cercare di utilizzare le noci come spuntino durante la giornata.

Le noci non hanno grandi controindicazioni, devono essere consumate con attenzione a chi ha malattie epatiche, sconsigliate anche per chi è affetto da gastroenterocolite o ulcere duodenali. Le noci come tutta la frutta secca possono scatenare fenomeni di allergia in soggetti ipersensibili, vanno quindi consumate con attenzione per evitare di incombere in problemi.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :