Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :
img

Instagram Storie ha 150 mln di utenti, arriva la pubblicità ( E te pareva)

/
830 Views

Come nelle migliori favole digitali, anche Instragram Story avrà finalmente degli spazi a pagamento, impossibile per il patron di Facebook non guadagnarci anche da quella novità, infatti ha deciso di inserire degli spazi pubblicitari nelle storie.

Ormai siamo abituati a Youtube che ci propina ogni determinato intervallo con il nostro bel set di pubblicità più o meno targettizzate.

 La funzione copiata da Snapchat con cui fare un racconto in pillole della giornata attraverso foto e video che scompaiono nel giro di 24 ore. Lo annuncia la compagnia, di proprietà di Facebook, rilasciando i dati sull’utenza: a 5 mesi dal lancio, nell’agosto scorso, Storie ha 150 milioni di utenti giornalieri.

“Con il 70% degli utenti di Instagram che segue almeno un’azienda, non sorprende che un terzo delle storie più viste sia pubblicato dalle imprese”, si legge in un post sul blog della piattaforma, che punta a monetizzare il rapporto tra utenti e business. Le imprese, infatti, ora potranno inserire spot a tutto schermo, e avranno a disposizione uno strumento per monitorare e misurare l’accoglienza dei contenuti pubblicati. Le inserzioni sono già state testate con 30 aziende, tra cui Netflix e Yoox.

Le Storie “offrono la possibilità alle aziende, grandi e piccole, di connettersi in maniera più stretta con la loro Community, mostrando il dietro le quinte della propria attività, o dando anticipazioni su eventi, prodotti o servizi”, osserva Luca Colombo, country manager di Facebook Italia, secondo cui l’introduzione delle inserzioni “permetterà alle aziende italiane di raggiungere i propri obiettivi di business”.
Immancabile l’abuso degli utenti che condividono praticamente anche quante volte vanno al bagno, ma a questo sembrerebbe porre rimedio direttamente Instagram con l’introduzione dello Shadow Ban che limiterebbe le azioni a chi supera un determinato numero di azioni compiute sul social nell’arco di 24 ore.

Fonte    Ansa

  • Facebook
  • Twitter
  • Google+
  • Linkedin
  • Pinterest

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *