Home / Food / Frutta Secca, quali sono i benefici?

Frutta Secca, quali sono i benefici?

/
38 Views
img

Le proprietà della frutta secca sono indispensabili per il nostro organismo. Si tratta di alimenti che andrebbero consumati con regolarità, tenendo conto soltanto di qualche piccola controindicazione.

Cosa si intende per frutta secca

Nell’immaginario comune per frutta secca s’intendono generalmente noci, nocciole o mandorle. Non si tratta di una definizione errata, ma sarebbe più adeguato parlare di “frutta oleosa” per identificare meglio la frutta secca a guscio, ovvero frutta che viene essiccata con appositi strumenti oppure esposta al sole.

In questo modo, si elimina l’acqua contenuta al suo interno. A seconda della tipologia di frutta secca specifica, le proprietà benefiche e le ragioni per cui è salutare consumarla, cambiano.

Frutta secca e pressione alta

Anche la frutta secca può essere un alleato importante se soffriamo di pressione alta, infatti un consumo regolare di noci può portare netti miglioramenti nella vostra pressione.

Non tutta la frutta secca però aiuta a diminuire la pressione alta, molte volte anche a causa del sale presente non è sicuramente un buon alleato della nostra pressione.

Ovviamente bisogna moderare il consumo e mantenerlo costante nei limiti quotidiani, anche un abuso di noci può portare a conseguenze contrarie a quelle desiderate.

Ecco un elenco della frutta secca più comune

Un elenco semplice per ricordarsi grosso modo quali sono le frutte secche che possiamo trovare in commercio, da questo elenco abbiamo escluso la frutta essiccata, ma abbiamo incluso i classici dattero e fico che sono prodotti della tradizione e delle feste italiane.

  • Anacardio
  • Arachidi
  • Dattero secco
  • Fico secco
  • Mandorla
  • Nocciola
  • Noce
  • Noce del Brasile
  • Noce di cocco
  • Noce di Macadamia
  • Noce pecan
  • Pinolo
  • Pistacchi

Frutta secca in gravidanza, possiamo mangiarla tranquillamente?

Ormai è risaputo che la frutta secca in gravidanza fa davvero bene, infatti i benefici che possiamo avere grazie all’assunzione della frutta secca compensa enormemente i possibili svantaggi.


La frutta secca come si sa è molto calorica, per cui se si è in dolce attesa è bene non eccedere nel mangiarla, si può banalmente inserirla in una dieta giornaliera se sappiamo controllarci e non eccedere nel suo consumo.

Contiene molto fosforo ma, anche potassio, fibre, vitamine e sali minerali: tutte sostanze fondamentali per una donna che aspetta un bambino e che non possono mancare nella sua dieta.

Come ben sanno le donne in dolce attesa, uno dei loro maggior pericoli durante la gravidanza è sicuramente la toxoplasmosi, che si può contrarre non solo da carne cruda, pesce e uova ma anche nella frutta secca che durante la stagionatura o essiccazione potrebbe venire a contatto con animali che trasportano questa malattia.

Pistacchi aperti

Quali sono i benefici della frutta secca

Le noci sono tra le tipologie di frutta secca, quelle le più consumate. Ricche di vitamine e omega 3, sono molto utili in caso di infiammazioni e malattie cardiache, aiutano e rafforzano il sistema immunitario e hanno valide proprietà antiossidanti. Altri esempi di frutta secca molto diffusa, anche come ingrediente di creme dolci e gelato sono le nocciole. Esse contengono una buona percentuale di fitosteroli, di vitamina E, vitamina B, sali minerali, antiossidanti e grassi buoni.

Noci aperte

Sono in grado di contribuire alla prevenzione delle patologie che colpiscono il cuore, sono benefiche per l’apparato digerente e sono efficaci quando si tratta di abbassare il colesterolo cattivo. Per quanto riguarda le mandorle, invece, il consiglio è quello di consumarne ogni giorno soltanto una manciata. È provato che 30 grammi di questo frutto siano utili alle ossa e al colesterolo. Oltre a ciò, risultano essere un valido alleato contro il diabete, grazie a grassi monoinsaturi, calcio, magnesio, proteine e fosforo.

Le arachidi, oltre che ricche di benefici, sono particolarmente gustose e ricche di proteine, vitamine e sali minerali. Purtroppo gli effetti benefici del seme vengono pregiudicati dall’eccessiva aggiunta di sale, ragion per cui è meglio essere cauti e andarci piano. Per quanto riguarda invece i gustosi pistacchi, il loro contributo è massimo quando insorge il colesterolo alto. Essi contribuiscono ad abbassare i livelli di LDL, ovvero quelli del cosiddetto “colesterolo cattivo” elevando quelli dell’HDL.

Arachidi

Allo stesso modo delle arachidi, si faccia attenzione a non esagerare pure nel caso dei pistacchi poiché anch’essi presentano un elevato contenuto di sale. I  pinoli, invece, contengono una cospicua quantità di fibre vegetali e di proteine, una buona fonte di zinco, potassio e vitamina E.

La caratteristica principale è quella di migliorare la regolarità dell’intestino e di donare molta energia senza incrementare l’appetito.  

Quale frutta secca scegliere e dosi consigliate

La frutta secca non è tutta uguale è possibile preferire una variante rispetto a un’altra proprio per i benefici di cui si necessita. Oppure può essere utile fare un mix per sfruttare al meglio le diverse proprietà. In generale, come abbiamo visto, si tratta di alimenti salutari, ma la quantità di grassi o l’incremento di sale eccessivo per consumarli possono rendere la frutta secca non idonea alla nostra dieta.

Importante, quindi, regolare le dosi, tenendo conto che sono prodotti calorici da mangiare comunque con moderazione.
La dose consigliata e di 30/40 grammi al giorno, lontano dai pasti principali. In questo modo, si evita di assumere troppi grassi e proteine. Ideale a colazione, come spuntino di metà mattina o merenda pomeridiana.

Quando la si compra è consigliabile sempre frutta ancora chiusa nel guscio. Un prodotto già sgusciato ha bisogno di conservanti o antiossidanti chimici per evitare che i grassi diventino presto rancidi.

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :