Home / Food / Corbezzolo: un frutto dimenticato dalle proprietà sorprendenti

Corbezzolo: un frutto dimenticato dalle proprietà sorprendenti

/
226 Views
img

Se siete amanti della frutta sono sicuro che questo mio consiglio vi sarà molto grato, infatti tra i frutti della stagione autunnale, è arrivato il momento di riscoprire il corbezzolo.

Nonostante le sue incredibili proprietà, è poco diffuso probabilmente per la sua difficile coltivazione e del suo nome poco ” Accattivante ” ma se non lo conoscete, il corbezzolo può essere uno dei frutti più completi che potreste assumere nelle stagioni semi-fredde.

Origini e proprietà del Corbezzolo  

Il corbezzolo (Arbutus unedo) è un arbusto originario della macchia mediterranea e fa parte della famiglia  delle Ericaceae, la stessa del mirtillo. I suoi frutti piccoli e dalla forma tonda, quando ben maturi, si caratterizzano per i colori arancione e rosso acceso. La consistenza è dura all’esterno e morbida e granulosa all’interno.

Il corbezzolo viene definito la pianta di Garibalbi perché le foglie sono verdi, i fiori sono bianchi e i frutti rossi, i colori che ricordano la bandiera dell’Italia.

Trovare in commercio il corbezzolo è molto difficile, ragion per cui probabilmente non li avete mai assaggiati, né visti.

Un vero peccato perché si tratta di un frutto ricco di proprietà e varrebbe la pena consumarlo. Molto utile in caso di cistite o diarrea, ma non è solo il frutto a essere benefico per l’uomo, anche foglie, fiori e radici sono dotate di interessanti proprietà.

Ecco i principali benefici del corbezzolo:

  • diuretico. L’infuso a base di foglie di corbezzolo è utile per eliminare liquidi in eccesso e drenare l’organismo;
  • anti-infiammatorio: il frutto, e più in generale la pianta, è un ottimo rimedio antinfiammatorio, soprattutto per intestino e fegato e per le vie urinarie. Le foglie sono utilizzate per contrastare problemi di cistite;
  • aiuta il fegato: sostiene il lavoro di fegato e bile;
  • antisettico: proprietà presente nel miele di corbezzolo.

Valori nutrizionali e calorie del corbezzolo

In 100 grammi di corbezzoli sono presenti circa 76 calorie e contengono:

  • 0,8 g di proteine;
  • 11 g di zuccheri;
  • 8 mg di Vitamina C.

Gli usi del corbezzolo

Il corbezzolo è un frutto molto versatile in cucina. Può essere consumato da solo o all’interno di macedonie o nello yogurt, adatto per guarnire torte e preparare marmellate, confetture e tisane. I più golosi lo apprezzano anche col gelato.

La marmellata di corbezzolo

La marmellata di corbezzolo è forse un tra le ricette più note per sfruttare questo delizioso frutto autunnale. Per preparala occorrono:

  • 1 kg di corbezzoli maturi;
  • 350 g di zucchero di canna;
  • una scorza di limone non trattato;
  • 1 bicchiere di acqua.

Dopo aver lavato i frutti, riponeteli in una pentola capiente e fateli cuocere a fuoco lento per circa 20 minuti. Dopodiché passateli al setaccio e aggiungete la scorza di limone grattugiata e l’acqua. Rimettete tutto sul fuoco e mescolate di tanto in tanto fino a quando non otterrete un composto denso. Non resta che mettere nei barattoli (precedentemente sterilizzati) la vostra marmellata di corbezzoli.

La tisana di Corbezzolo

La tisana di corbezzolo si presta molto alle giornate fredde e uggiose tipiche  dell’autunno e dell’inverno. Un sistema naturale per fronteggiare stati influenzali e diarrea. Vi occorreranno:

  • 250 millimetri di acqua;
  • 5 g di fiori di corbezzolo.

Lasciate i fiori in ammollo nell’acqua caldo per 15 minuti. Poi filtrate il tutto. La tisana, a seconda delle necessità, può essere assunta fino a due volte al giorno. Una variante, con la stessa preparazione, prevede l’utilizzo delle foglie anziché dei fiori. Vi occorreranno:

  • 250 millimetri di acqua;
  •  7 g di foglie di corbezzolo.

Controindicazioni

Chi soffre di stipsi dovrebbe limitare l’uso del corbezzolo soprattutto se si assumo farmaci con il quale potrebbe interferire. Oltre questo si tenga presente che la pianta contiene alcaloidi che possono provocare disturbi più o meno gravi all’apparato digerente, ma dipende molto dalle condizioni specifiche e dalla sensibilità delle persone. 

Leave a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This div height required for enabling the sticky sidebar
Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views : Ad Clicks :Ad Views :