WhatsApp, messaggi a rischio intrusione, vi spieghiamo il perchè

 

Nonostante siano criptati, i messaggi di WhatsApp potrebbero comunque essere a rischio intrusione. Un ricercatore americano ha scovato una “backdoor” di sicurezza – una sorta di “porta segreta” del software – nella chat che consentirebbe a Facebook, proprietaria della piattaforma, o potenzialmente ad altri, di intercettare e leggere i messaggi nonostante siano cifrati. Lo riporta l’edizione online del Guardian.
Facebook ha da sempre fatto della sicurezza un fiore all’occhiello di WhatsApp, app che oggi conta nel mondo oltre un miliardo di utenti e che è diventata strumento di comunicazione anche per categorie “sensibili” di persone, come attivisti, dissidenti e diplomatici. Tobias Boelter, ricercatore dell’Università di Berkeley, California, spiega al Guardian che la vulnerabilità, o meglio la “backdoor”, sta nel modo in cui è stato concepito il protocollo di crittografia.
Boelter dice di aver segnalato la falla a Facebook ad aprile 2016 e che la compagnia ha risposto dicendo di essere a conoscenza della questione ma di non essere attivamente al lavoro su essa perché “comportamento atteso”. Il Guardian afferma che la backdoor esiste tuttora.

Da Ansa.it

 

Introduciamo questa riflessione che ho trovato sul sito web dell’ansa, da notare come ormai queste notizie di privacy facciano più paura del ritrovamento di ordigni o di attentati.

Ma davvero nel 2017 la gente comune ha paura per la propria privacy? Cosa abbiamo da nascondere o di cosi segreto per agitare cosi tanto gli animi?
La funzione news del mio iPhone oggi non riporta altro che articoli che parlano di questa pericolosa falla di sicurezza su WhatsApp, logica la preoccupazione di personaggi o gente che lavora in ruoli sensibili, ma davvero nel 2017 la casalinga tiene cosi tanto alla privacy del suo telefonino?

Sicuramente affidare dei segreti o magari delle foto osè al proprio cellulare rasenta il ridicolo visto le 1000 situazioni in cui il nostro telefono potrebbe cadere nelle mani sbagliate.

La risposta di WhatsApp – Facebook non si è fatta attendere, infatti il team ha spiegato che questa falla deriva dal salvataggio di alcune chiavi del programma, che ci consentono una volta cambiato telefono o sim di avere con noi le nostre vecchie conversazioni.

Share

Autore dell'articolo: festamaurizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *